Tecniche di respiro

Penso siamo tutti d’accordo sul fatto che il respiro è la prima modalità con cui veniamo in contatto con la vita: con il primo respiro entriamo nel mondo assorbendo aria e dal mondo ci allontaniamo esalando l’ultimo respiro. Conseguentemente penso siamo tutti d’accordo sul fatto che affinché ci sia la vita, la respirazione si deve attuare in maniera naturale e costante.

Cioè a dire, la respirazione è un sistema assolutamente indispensabile perché si realizzi il metabolismo all’interno del corpo umano, tant’è che quando respiriamo male tutto il corpo soffre.

Ma una cattiva respirazione influisce anche sulla psiche perché il respiro è strettamente connesso con le emozioni; basti pensare a come il suo ritmo cambia – divenendo corto, bloccato, accelerato- a seconda se siamo in preda all’ansia, all’angoscia o alla paura e come invece è più armonioso e lento se siamo calmi e sereni.

Tutto chiaro, tutto molto semplice e scontato, potrebbe pensare qualcuno!

Ma la mia domanda è:
quanto siamo consapevoli dell’importanza della respirazione?
E ancora:
quanti di noi sanno respirare correttamente?

La risposta ve la fornisco sulla base di una esperienza più che ventennale maturata attraverso l’insegnamento del Qi gong, delle tecniche di respirazione, della Meditazione:

Pochissime persone sanno respirare correttamente,
quasi nessuna lo fa in modo consapevole.

Più aria immettiamo dunque nei nostri polmoni e più intensa sarà la produzione di calore che l’ossigeno produrrà nel nostro corpo con l’immediato effetto di ridurre gli zuccheri e aumentare il fuoco vitale.

Certamente è importante l’energia esterna, l’aria, per sostenere il corpo, però lo è anche l’energia interna, quella che mantiene la salute e la vitalità dell’organismo.
Se non c’è quest’ultima, la vita viene a mancare.
Questa energia si chiama in cinese Yuanqi, o anche Qi innato, quello che si origina al momento del concepimento ed è interessante osservare che questo termine si scrive con gli stessi ideogrammi della parola giapponese “genki” che significa: “star bene”.

Il Qi è l’energia principio della vita e che mantiene in buono stato tutti gli esseri viventi, in grado di controllare ed eliminare l’energia “sporca” che debilita il corpo ed è causa di malattia e di squilibri emotivi.

Attraverso una corretta respirazione si apporta più ossigeno al corpo, si migliora la circolazione del sangue, si elimina così la fatica e se ne aumenta immediatamente la forza ottenendo un corpo più sano.

Una buona respirazione mantiene aumenta la vitalità del nostro corpo e ci aiuta a risolvere squilibri e stati di sofferenza sia fisica che psichica.

Vuoi tornare in contatto con il tuo respiro, imparare a liberarti di tensioni ed emozioni somatizzate e ad aumentare la forza, la lucidità e la vitalità del tuo corpo?

Puoi richiedere maggiori informazioni a Donata Di Maio compilando il modulo seguente.

15 + 12 =

Share This